Exopolitics Network

Counters

L'indice delle vignette QUI :

[ 01 ] [ 02 ] [ 03 ] [ 04 ] [ 05 ] [ 06 ] [ 07 ] [ 08 ] [ 09 ] [ 10 ] [ 11 ] [ 12 ] [ 13 ] [ 14 ] [ 15 ] [ 16 ] [ 17 ] [ 18 ] [ 19 ] [ 20 ]


Collabora anche tu !

Hai del materiale da pubblicare? Inviaci la tua segnalazione, il tuo link, un articolo. In una parola : interagisci. Solo così possiamo rendere veramente efficace un'informazione libera.



Links :

    - DNA magazine
    - Paola Harris
    - Hera Magazine
    - Exopolitics Italy
    - nonsiamosoli
      Tutti i link

 


PRESENTAZIONE ESOCOMICS

ESO-COMICS : "eso" da "exo" ovvero "esogeno", "alieno" - "comics" da "fumetto/vignetta" quindi "esocomics" = vignetta satirica sull'ufologia.

 

Se avete dato un' occhiata alle vignette proposte nella sezione "esocomics" forse avrete già intuito che la mia intenzione non è quella di fare semplice ironia sul fenomeno ufo. Anzi, esattamente il contrario.

Dal mio punto di vista il senso dell'ironia funziona dal basso verso l'alto e non viceversa. Se vedo una persona malata di parkinson che cade mentre attraversa il corridoio di un ospedale francamente non mi fà ridere. Io sono sano, lui è malato. E' una ironia triste, che forse farà ridere qualcuno ma non è quello che personalmente cerco.

Se invece inciampa un equilibrista, magari scivolando su una buccia di banana dopo aver cercato invano di restare in equilibrio ecco che il fatto diventa oggetto di una possibile risata ironica.

Se chi cade è "migliore"della persona comune allora posso prendere in esame una visione umoristica del fatto.

Il povero può ridere delle stupidaggini del ricco, ma guai quando è il contrario. Un ricco che ride di un povero fà apparire tutta l'arroganza di chi si sente migliore degli altri. Proprio per questo motivo l'umorista, è il moralista per antonomasia.

Se l'umorista non sapesse dove è il bene e dove il male, la satira non esisterebbe. Tutto ciò è ovviamente soggettivo in massimo grado. E nelle vignette che leggerete vi apparirà lampante come un'eclisse solare.

Il satirico non è disposto a perdonare, proprio per questo motivo la satira mette paura, mette paura perchè ci si espone alle critiche di chi non condivide una certa visione del mondo e infatti ogni tanto si sente qualche umorista che avendo centrato il bersaglio troppo violentemente viene querelato dal "colpevole" di turno.

Fortunatamente le notizie raccontate di solito da chi fà umorismo e/o satira risultano vere e quindi si viene assolti con grande dispiacere del querelante.

In molti poi potranno non capire le vignette di "esocomics" ma questo non mi crea nessun problema. L'intento è quello di una satira ad uso e consumodegli ufologi/ufofili, ovvero di coloro che conoscono i fatti tenuti nascosti dai grandi mass-media. Qualcuno mi ha suggerito di mettere almeno un link di riferimento nel caso ci fosse un tema in particolare su cui ho ironizzato, credo che ciò sia lecito e può darsi che vi sia presente assieme alla vignetta un “help online”.

Ho letto da qualche parte che un noto umorista (Moni Ovadia) ha detto che "la risata aumenta l'attenzione e l'apprendimendo attraverso funzioni psichiche associative che risiedono in precise strutture mentali". Personalmente non conosco queste strutture mentali, ma se attraverso l'umorismo posso raccontare un evento, e raggiungere in tal maniera un qualsiasi lettore e farlo incuriosire di modo che si possa sentire invogliato ad approfondire il tema ufologico, allora avrò raggiunto il mio scopo.

Se è vero che un fatto non raccontato in pratica non accade, abbiamo bisogno che qualcuno inizi a raccontare questi fatti anche con altri strumenti che non il semplice e classico articolo.

Ovviamente io non sono il primo e spero nemmeno l’ultimo, comunque sono dell’idea che anche una vignetta, o una battuta di spirito, possa essere interpretata come una pacca sulla spalla per incoraggiare chi ancora non si è interessato all'argomento ufo e finalmente di cominciare.

Ad un “umorismo ufologico” come per ogni satira di rispetto occorre un "cattivo". Senza un bersaglio la satira sarebbe inutile, ma un bersaglio sbagliato sarebbe ancora peggio, distogliendo l'attenzione dalla realtà che circonda il lettore.

La maggior parte delle vignette online a tema ufologico sono perlopiù classici esempi di debunking, dove è l'alieno che viene ridicolizzato, in una visione scettica del fenomeno ufo/alieno che non può e probabilmente non dovrebbe esistere. La solita ridicolizzazione dell'alieno, con le antennine verdi e la stupida battuta che fà tanto ridere lo scettico di turno.

Ed ecco quindi la mia lista di bersagli preferiti: in primis gli scettici, poi coloro che pensano che informarsi è una perdita di tempo, poi coloro che non mettono mai in discussione ciò che dicono i grandi mass-media, quindi i giornalisti che ruotano attorno ad essi, immancabile il governo ombra, i cosidetti “man in black”, ovviamente i militari e con essi i servizi segreti (un breve consiglio: se non riuscite a capire chi è il bersaglio di ogni vignetta, ponetevi semplicemente la domanda "chi è che viene preso in giro?").

Per concludere, se vi sembra assurdo che qualcuno tenti di fare umorismo su un argomento in fondo così serio come l'ufologia, faccio notare che anche il CICAP fà satira, basta vedere la faccia di Polidoro quando parla... ride sempre!

Quindi, perchè non prendersi una rivincita?

Buona lettura a tutti :)

eventuali querele vanno indirizzate a
Emiliano Rizzo